Guida interattiva agli alberi e arbusti
del Bosco Abbado (Ferrara)

Pier Luigi Nimis, Lisa Brancaleoni, Fabrizio Negrini, Filippo Piccoli
-
Foto di Andrea Moro

Nel quartiere Barco di Ferrara, dove la zona residenziale confina con la grande area industriale a Nord Ovest della città, nasce nel dicembre 2015 il piccolo bosco dedicato a Claudio Abbado, il quale si definiva un giardiniere prestato alla musica . Inserito tra la città e la campagna il Bosco Abbado, lungo 80 m e largo 26 m, è composto da due moduli lineari identici, proponendosi come libera interpretazione del paesaggio del margine boschivo: una ricca fascia di vegetazione capace di tradurre in ambito urbano la qualità ambientale di un bosco con la finalità di garantire in uno spazio ridotto il massimo grado di biodiversità. Il progetto tende a sfruttare al massimo la densità di piantumazione per inserire più specie possibili. La presenza di alberi da frutto insieme ad alberi tradizionali e arbusti consente di creare un’associazione complessa di specie che coniuga la valenza di mitigazione ambientale alla vocazione di parco pubblico.
Questa guida agli alberi e arbusti del Bosco Abbado, creata in collaborazione con il progetto Dryades del Dipartimento di Scienze della vita dell’Università di Trieste, mira a valorizzare il Bosco creando strumenti di facile consultazione per avvicinare i cittadini alla conoscenza della foresta urbana e soprattutto per fornire alle scuole uno strumento che permetta loro di utilizzare le aree verdi comunali come veri e propri laboratori all’aperto, in cui svolgere attività didattiche centrate sull’identificazione delle piante.
Il progetto del Bosco Abbado è stato realizzato dal paesaggista Manfredi Patitucci con la collaborazione degli Assessorati comunali all’Urbanistica e ai Lavori Pubblici e al Verde, con la sovrintendenza dell’Ufficio Verde del Comune di Ferrara. L’impianto è stato seguito dai tecnici di Ferrara Tua s.r.l. Glui alberi sono stati offerti dal Garden Club, che ha seguito la creazione del Bosco dai suoi inizi, dal Soroptimist Club, dal Rotary Club di Ferrara e dagli amici di Maria Teresa Mayr Giovannini.



Avete trovato errori o problemi? Mandateci i vostri commenti.
Feedback