Guida alla flora
dei vigneti del territorio DOCG Conegliano-Valdobbiadene

Pier Luigi Nimis, Juri Nascimbene, Diego Ivan, Valentina Casagrande, Michela Zottini
-
Foto di Andrea Moro

Negli ultimi decenni le aree sottoposte a pratiche agricole intensive hanno subito una forte perdita di biodiversità. La conservazione della biodiversità nei sistemi agrari è tra i fattori di primaria importanza per migliorare la qualità della vita attraverso i molteplici servizi forniti dagli ecosistemi. Questo principio si sta affermando anche nel settore vitivinicolo del Veneto in cui sempre più si sente l’esigenza di coniugare la produzione del vino con la qualità dell’ambiente di coltivazione. In questo quadro, la biodiversità vegetale è un fattore determinante per la funzionalità del paesaggio agrario, dal momento che fornisce rifugio e fonte alimentare a molti organismi, tra cui anche alcuni utili per la difesa dei vigneti dai patogeni.
Le dinamiche influenzate dall’intensificazione della viticoltura hanno contribuito a modellare il paesaggio del Conegliano-Valdobbiadene DOCG dando origine ad un mosaico composto di terreni coltivati e habitat semi-naturali che tuttavia, nel corso dei decenni, ha subito un pattern di progressiva semplificazione. Recenti ricerche sulle piante erbacee spontanee dei vigneti (Nascimbene et al., 2013) hanno messo in evidenza che sia le condizioni topografiche sia l’intensità della gestione influenzano la biodiversità vegetale. Nel complesso, i risultati di queste esperienze supportano l’idea che i vigneti possano non solo essere importanti elementi funzionali per la produzione agricola, ma possano rappresentare anche delle vere e proprie infrastrutture verdi utili a perseguire finalità conservazionistiche in linea con le indicazioni di Natura 2000 e con la Biodiversity Strategy.
La presente guida è stata realizzata nell’ambito del progetto Endoflorvit 'Flora spontanea e microorganismi endofiti nel vigneto: sviluppo di un sistema agricolo che valorizzi e salvaguardi la biodiversità all’interno del territorio del Conegliano-Valdobbiadene ' finanziato dal PSR 2007-2013 del Veneto, Misura 124. La checklist floristica su cui si basa la guida deriva da ricerche di tipo ecologico-applicativo che hanno riguardato sia l’ambiente di vigneto sia gli habitat semi-naturali (margine di bosco e prati aridi) attigui ai vigneti. Non si tratta quindi di una checklist esaustiva dell’area del Conegliano-Valdobbiadene DOCG, ma di una base rappresentativa delle principali specie vegetali che si possono incontrare nei vigneti e negli habitat semi-naturali ad essi attigui. Lo scopo della guida è quello di fornire uno strumento utile a conoscere e valorizzare il patrimonio di biodiversità vegetale dell’area del Conegliano-Valdobbiadene DOCG, utilizzabile per attività tecniche, didattiche e amatoriali.

Bibliografia

Nascimbene J., Marini L., Ivan D., Zottini M. 2013. Management intensity and topography determined plant diversity in vineyards. PloSONE. 8(10): e76167.



Avete trovato errori o problemi? Mandateci i vostri commenti.
Feedback