Guida interattiva
alla flora di Roma

Pier Luigi Nimis, Fabio Attorre, Carlo Blasi, Laura Celesti, Giuliano Fanelli, Edda Lattanzi, Andrea Moro, Elena Pittao, Agnese Tilia, Stefano Martellos
-
Foto di AA.VV. - Curatore dell'apparato di immagini: Andrea Moro

Questa guida, integrata nel Portale della Flora di Roma, mette a disposizione del pubblico una chiave per l’identificazione delle piante presenti allo stato spontaneo sul territorio di Roma Capitale.
Il progetto, finanziato dal MIUR nell’ambito della l. 113/91 (6/2000) e da LifeWatch-Italia, è realizzato da un partenariato di alta qualificazione e di complementarietà ottimale che coinvolge, oltre all’Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL e Zètema Progetto Cultura, il Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università degli Studi di Trieste (Progetto Dryades), il Dipartimento di Biologia Ambientale della Sapienza Università di Roma e l’Associazione degli Insegnanti di Scienze Naturali. Il progetto è inoltre collegato all’iniziativa europea LifeWatch, tramite la Joint Research Unit LifeWatch-Italia operativa presso il Dipartimento Scienze della Terra e Tecnologie per l’Ambiente del Consiglio Nazionale delle Ricerche.
La flora di Roma comprende più di 1600 entità. Tra queste molte hanno particolare rilevanza per la conservazione essendo presenti nelle aree naturali residue della città di Roma. Altre specie, quali quelle legate alle aree umide, sono soggette a rischio di estinzione locale a causa della scomparsa di tali ambienti. Al contrario, in costante aumento sono le specie aliene, molte delle quali si sono naturalizzate e si stanno espandendo a causa dell'aumento di antropizzazione.
La lista floristica si basa sulla recente sintesi di Celesti-Grapow & al. (2013). Il territorio corrisponde a quello del Comune di Roma Capitale, che si estende su un’area di 1287 Kmq e ospita una popolazione di 2.750.000 abitanti. L’area è sita al centro della Regione Mediterranea, tra il Mar Tirreno e gli Appennini. Il clima varia da quello termo-mediterraneo lungo i litorali a quello meso-mediterraneo nelle aree più interne. La geomorfologia si caratterizza per un esteso complesso di colline vulcaniche, laghi, depositi alluvionali lungo il Fiume Tevere, con una fascia costiera di circa 20 Km prevalentemente formata da substrati sabbiosi, seguita verso l’interno da una pianura costiera formata da terrazze di depositi argillosi e ghiaiosi. Per ulteriori dettagli v. Celesti-Grapow (1995) e Celesti-Grapow & al. (2013).
Il progetto ha l’obiettivo di promuovere la conoscenza della Biodiversità vegetale presente sul territorio del Comune di Roma nell’ottica di una sua tutela e valorizzazione. La costruzione del Portale della Flora di Roma permette di utilizzare nuovi e avanzati strumenti informatizzati per fruire degli ambienti naturali presenti sul territorio. Iniziative con le Scuole e i cittadini, realizzate in parallelo, consentono di promuovere l’utilizzo della guida interattiva a scopi divulgativi, coinvolgendo in prima persona diverse tipologie di destinatari - studenti, insegnanti, amministratori del Comune e della Regione, grande pubblico, associazioni ambientaliste.


Bibliografia

Celesti Grapow, L. - 1995 - Atlante della flora di Roma. - Argos, Roma.
Celesti-Grapow L., Capotorti G., Del Vico E., Lattanzi E., Tilia A., Blasi C. - 2013 - The vascular flora of Rome. - Plant Biosystems, 147, 4, 1059-1087.
Nimis P.L. & al. - 2015 - Portale della Flora di Roma - http://dryades.units.it/Roma/



Avete trovato errori o problemi? Mandateci i vostri commenti.
Feedback