Guida alla flora
del Parco Regionale delle Dolomiti Friulane

Pier Luigi Nimis, Andrea Moro, Eugenio Granziera, Stefano Martellos
-
Foto di Andrea Moro

Il Parco Naturale Dolomiti Friulane, estensio su quasi 37.000 ettari, è inserito nel settore occidentale del comprensorio montuoso che sovrasta l'alta pianura friulana, racchiuso tra i corsi dei Fiumi Tagliamento e Piave. Il territorio, incluso nelle Province di Udine e Pordenone, interessa tre vallate principali: le alte valli del Tagliamento e dei torrenti Cellina e Meduna. I comuni su cui insiste il territorio del Parco sono otto: Andreis, Cimolais, Claut, Erto e Casso, Frisanco, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Tramonti di Sopra. Il territorio del Parco è caratterizzato dalla presenza di un ambiente molto variegato, dovuto principalmente all’esposizione dei versanti, all’escursione altitudinale, alle varietà di forme geologiche, adatto ad ospitare una gran varietà di tipologie vegetazionali. Elevato è il grado di ‘wilderness’ delle estese vallate che, prive di viabilità principale e di centri abitati, si addentrano tra vette e torrioni dolomitici. Di notevole importanza è la biodiversità (presenze floristiche e faunistiche estremamente varie), favorita dai notevoli dislivelli, dalla particolare posizione geografica e dal clima.
Il territorio del Parco si contraddistingue per la presenza di numerose specie vegetali endemiche, sia a gravitazione più occidentale sia a distribuzione orientale, strettamente correlata alle glaciazioni pleistoceniche e in particolare a quella Würmiana conclusasi circa 10.000 anni fa. La notevole ricchezza floristica di tutto il comprensorio del Parco (più di 1200 specie) dipende soprattutto dall’occasione di rifugio e di sopravvivenza che è stata data da questi territori a numerose specie durante il periodo di espansione dei ghiacciai.
Questa è una guida interattiva alla ricca flora del Parco. La suddivisione in Famiglie segue il sistema dell’Angiosperm Phylogeny Group III (2009). La guida è stata preparata nell’ambito del Progetto SiiT (Strumenti interattivi per l’identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera), finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.



Avete trovato errori o problemi? Mandateci i vostri commenti.
Feedback