Guida al riconoscimento
delle farfalle diurne dell’Oasi di Ninfa

Enrico Bonivento, Valerio Sbordoni
-
Foto di AA.VV., dall’archivio iconografico del Progetto Dryades

Questa è una guida alle farfalle diurne presenti in un raggio di 10 Km attorno all’Oasi di Ninfa (LT), che include 108 specie. La check-list è stata estratta dalla banca dati dell’Osservatorio Regionale per la Biodiversità del Lazio (OBL, www.obl.uniroma2.it).
La guida si rivolge in primo luogo alle scuole, agli appassionati di natura ed a tutti coloro che vogliono conoscere e proteggere le farfalle autoctone. Partendo da caratteri molto semplici, come il colore di fondo delle ali, attraverso caratteri via via più complessi, si giunge al riconoscimento della singola specie, corredata da foto e da una scheda che ne descrive le principali caratteristiche.
ll giardino di Ninfa è stato dichiarato Monumento Naturale dalla Regione Lazio nel 2000 al fine di tutelare il giardino storico di fama internazionale, l’habitat costituito dal fiume Ninfa, lo specchio lacustre da esso formato e le aree circostanti che costituiscono la naturale cornice protettiva dell’intero complesso.
Una prima versione di questa è stata creata in collaborazione con il Progetto Dryades del Dipartimento di Scienze della Vita dell'Università di Trieste, in occasione del BioBlitz Italia 2013. La presente versione è stata aggiornata per poter essere usata anche nell'ambito del progetto CSMON-LIFE (LIFE13 ENV/IT/842, http://www.csmon-life.eu).
Gli autori ringraziano il Prof. Pier Luigi Nimis e il Dott. Stefano Martellos (Università di Trieste), e la Prof.Donatella Cesaroni e il Dott. Stefano De Felici (Università Tor Vergata di Roma) per il sostegno e la collaborazione al progetto. Un particolare ringraziamento va anche ai Musei di Storia Naturale di Lubiana e di Venezia e alle Collezioni zoologiche dell'Università Tor Vergata di Roma per il contributo all'allestimento dell'archivio di immagini.



Avete trovato errori o problemi? Mandateci i vostri commenti.
Feedback