Guida all'identificazione delle farfalle diurne
dell'Italia nord-orientale

Bertollo S. & Bonato L.

Foto di AA.VV.

La chiave è applicabile in un'ampia parte dell'Italia nord-orientale, includendo le regioni Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, parte della Lombardia e dell’Emilia-Romagna (vedi “Area greografica”). Comprende tutte le specie di Ropaloceri (Papilionoidea, Hesperioidea) per le quali è nota almeno una segnalazione in quest’area (vedi “Lista delle specie”).

I caratteri scelti permettono l’identificazione anche di individui non raccolti ma solamente osservati o fotografati in natura. Sono stati quindi utilizzati caratteri riguardanti le ali (colore, forma, dimensione) e le antenne (colore e posizione).

Con i soli caratteri considerati dalla chiave alcune specie non sono distinguibili, poiché è necessario esaminare accuratamente esemplari raccolti, spesso tramite dissezione anatomica. Per questi gruppi di specie simili (vedi “Lista delle specie”) sono comunque indicate nella bibliografia (vedi “Bibliografia”) le pubblicazioni utili per la loro identificazione.

La chiave si struttura in 3 percorsi fin dalla prima dicotomia, sulla base della possibilità di osservare e valutare i caratteri solo della faccia superiore delle ali, solo di quella inferiore o di entrambe le facce. Quando si possono valutare solo la faccia superiore o solo quella inferiore non è sempre possibile identificare le specie, in questi casi si giunge ad un gruppo di specie non distinguibili.

La chiave considera anche le varianti di colore più comuni delle specie e la possibilità di errore o valutazione soggettiva da parte dell'utente.

Per ogni specie, quando si giunge all’identificazione, sono visualizzabili informazioni sintetiche sulla biologia, ecologia, distribuzione e frequenza nell’Italia nord-orientale.
I vocaboli tecnici utilizzati sono descritti nel Glossario illustrato (vedi “Glossario”).
La metodologia adottata nella costruzione della chiave è descritta in modo dettagliato in Bertollo & Bonato (in stampa).

Gli autori ringraziano: Pier Luigi Nimis, Stefano Martellos e Antonella Miola per aver sostenuto la realizzazione della chiave; i Musei di Storia Naturale di Venezia, di Verona e di Lubiana per aver messo a disposizione le collezioni per l’illustrazione di alcune specie; tutti coloro che hanno concesso l'utilizzo di fotografie (Katia Bettiol, Renato Bonato, Luca Boscain, Vito Buono, Giuseppe Cagnetta-https://sites.google.com/site/lefarfalledellapuglia, Ernesto Cavallini, Tatjana Čelik, Aldo de Bastiani, Imaire de Poli, Darko Fekonja, Mauro Fioretto, Robin Fox, Silvia Fusaro, Simon Kovačič, Borut Kumar, Alessandro Maculan, Corinna Marcolin, Alessandro Margnetti, Fabio Moretto, Pino Perino-www.actaplantarum.org, Slavko Polak, Elisabetta Rossi di Schio, Luca Sattin, Ignac Sivec, Tomi Trilar, Marco Uliana, Enzo Valmassoi, Elena Zamprogno); tutti coloro che hanno contribuito in altro modo (Sebastiano Andreatta, Stefano Beretta, Elisa Cenci, Flavia Gallo, Giuseppe Ganeo, Sara Lefosse, Veronica Pedron, Camilla Spagnol, Sara Tellatin).



Avete trovato errori o problemi? Mandateci i vostri commenti.
Feedback