Alla scoperta delle piante che ci circondano:
una guida interattiva al giardino della scuola
Scuola Primaria C. Battisti, Monfalcone (GO)

Pier Luigi Nimis, Anna Prescerni, Michela Vardabasso
-
Foto di Andrea Moro

La scuola primaria C.Battisti edificata negli anni ’60 come scuola rionale oggi è divenuta scuola della città di Monfalcone. È circondata da uno spazio verde che nel corso degli anni, attraverso vari tipi di intervento, ha assunto l’aspetto di un giardino con diversi tipi di alberi ed una bella siepe di arbusti misti.
Da sempre il giardino è utilizzato per i momenti ricreativi, ma anche come laboratorio di didattica ambientale: un piccolo ecosistema all’interno del quale si ‘affollano’ tanti esseri viventi e dove è possibile compiere un’interessante osservazione sui ‘tempi della natura’.
La richiesta di adesione al progetto SiiT nasce dall’idea di contribuire ad una educazione al rispetto e alla tutela dell’ambiente, partendo dall’osservazione e dalla conoscenza, fornendo strumenti e metodologie per valorizzare ciò che si ha vicino per poi trasferirlo anche negli altri ambienti.
Il percorso didattico prevede un intervento di tipo interdisciplinare. Partendo dall’ambito scientifico di analisi delle piante, gli alunni saranno guidati nell’utilizzo della guida per imparare a riconoscere le piante legnose del giardino scolastico, attraverso giochi o ‘caccia’ al riconoscimento delle diverse specie. La metodologia che si intende adottare è quella dell’apprendimento attraverso l’esperienza, l’interazione, la scoperta ed il gioco, quali facilitatori nella costruzione di nuove conoscenze, durevoli nel tempo. Il rispetto e la salvaguardia dell’ambiente scaturiscono come conseguenza alla conoscenza.
La guida è stata realizzata nell’ambito del Progetto SiiT, coordinato dal Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste, che mira a valorizzare le aree verdi comunali ed i giardini scolastici creando strumenti interattivi di facile consultazione per avvicinare i cittadini alla conoscenza della ‘foresta urbana’ e soprattutto per fornire alle scuole uno strumento che permetta loro di utilizzare le aree verdi come veri e propri ‘laboratori all’aperto’ in cui svolgere attività didattiche centrate sull’identificazione delle piante.
Il progetto SiiT (Strumenti interattivi per l’identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera) è finanziato nell’ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo



Avete trovato errori o problemi? Mandateci i vostri commenti.
Feedback