Altre lingue
Flora interattiva del Sentiero Rilke
e delle Falesie di Duino (TS)

Pier Luigi Nimis, Stefano Martellos, Andrea Moro, Elena Pittao
-
Foto di Andrea Moro

Questa guida origina da un'iniziativa scientifico-didattica del Comune di Duino Aurisina - Občina Devin Nabrežina, svolta in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste. Il Comune è l’Organo Gestore della Riserva Naturale Regionale delle Falesie di Duino, istituita con la Legge Regionale 30.09.1996 n. 42. Questa guida è stata realizzata grazie al finanziamento della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Direzione Centrale Infrastrutture e Territorio - Servizio Paesaggio e Biodiversità, ai sensi della L.R. n. 42/1996.
La Riserva comprende un’alta e ripida falesia calcarea, una porzione ristretta dell’altopiano carsico e la fascia di mare antistante per una superficie complessiva di 107 ettari. L’area è di grande interesse naturalistico essendo posta alla transizione dal dominio biogeografico centroeuropeo a quello mediterraneo, ospitando quindi specie vegetali ed animali centroeuropee, illirico-balcaniche e mediterranee, con una biodiversità particolarmente elevata. Le Falesie di Duino sono l’unica stazione dell’endemica Centaurea kartschiana, una pianta che cresce sulla parte delle Falesie più vicina al mare, e le aree circostanti ospitano uno dei rellitti più settentrionali di macchia mediterranea in Europa.
Una delle iniziative promosse dall'Amministrazione Comunale per valorizzare la Riserva è la creazione di uno strumento informatico che permetta ai visitatori di passeggiare all’interno della Riserva, e in particolare sul sentiero Rilke, potendo identificare con facilità piante e fiori tenendo semplicemente in mano un tablet o un telefonino. Questa guida è infatti disponibile in diverse versioni: in rete sul web (con due interfacce, una dicotomica, una a scelta multipla), per CD-Rom, in versione stampabile e in una versione per telefonini di ultima generazione, scaricabile tramite l’applicazione gratuita KeyToNature (per iOS e per Android). Grazie all’approccio innovativo, la guida permetterà a molti di giungere alla ‘vera’ conoscenza della biodiversità, che spesso suscita curiosità, rispetto ed interesse, utilizzando un mezzo efficace e potente per la divulgazione dei pregi ambientali di uno dei più importanti biotopi della Regione. L'iniziativa permette anche la creazione di progetti didattici di particolare interesse per le scuole di ogni ordine e grado.
La guida, che comprende 586 tra specie e sottospecie (incluse alcune delle piante legnose più spesso coltivate nei giardini) è al momento disponibile in italiano (comprensiva di note alle specie) e inglese (senza note alle specie).
Un ringraziamento particolare va al Prof. Livio Poldini e alla Dr.ssa Marisa Vidali, dell’Università di Trieste, che hanno fornito la lista aggiornata delle specie spontanee, e al Dr. Ing. Marco Cartagine e alla guida naturalistica Alessandro Fattori, del Comune di Duino Aurisina, che hanno collaborato per la buona riuscita dell’iniziativa.



Avete trovato errori o problemi? Mandateci i vostri commenti.
Feedback