Guida interattiva alla Flora
del Parco Naturale Mont Avic (Valle d'Aosta).

Pier Luigi Nimis, Maurizio Bovio, Stefano Martellos

Foto di Andrea Moro, Maurizio Broglio

Il Parco Naturale Mont Avic è stato istituito nel 1989, primo e finora unico parco regionale della Valle d’Aosta, per preservare una delle aree più selvagge della regione: l’alto bacino del torrente Chalamy in comune di Champdepraz. Nel 2003 il Parco è stato ampliato a parte della testata della contigua Valle di Champorcher, toccando così i confini nord-orientali del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Oggi la superficie del Parco supera i 5700 ettari, da 1000 m fino ai 3185 m della vetta del Mont Glacier. Il Mont Avic, lo spettacolare picco di serpentino che dà il nome al Parco, supera di poco i 3000 m.
Le due valli del Parco sono molto diverse, soprattutto per le differenti litologie. In Val Chalamy dominano le serpentiniti, che creano paesaggi aspri e rocciosi dominati soprattutto dal bosco, poveri di pascoli, con numerosi giacimenti minerari ormai abbandonati. Nella Valle di Champorcher prevalgono invece i teneri calcescisti e il paesaggio è ampio e disteso, dominato da vasti pascoli e - alle quote più elevate - da estesi macereti di fini detriti.
Il Parco è costellato da bacini lacustri con molte zone umide, in Val Chalamy soprattutto torbiere, uno degli habitat più significativi dell’area protetta insieme al bosco di Pino uncinato, che domina il paesaggio forestale della valle. Quasi tutto il settore di Parco compreso nella Valle di Champorcher si estende sopra i limiti del bosco. Ricca e spettacolare è la flora diffusa sui calcescisti, ma anche le serpentiniti sono assai significative poiché, pur dando origine a suoli poveri e poco profondi, ospitano spesso specie strettamente legate al serpentino (soprattutto Pteridofite e Brassicacee). All’estremità nord-orientale dell’area protetta è presente una delle rare faggete della Valle d’Aosta. La fauna è rappresentata dai più noti animali presenti sulle Alpi; le specie silvicole sono particolarmente numerose nella Val Chalamy, mentre quelle legate agli ambienti aperti d’alta quota sono più abbondanti nell’alta Valle di Champorcher. La varietà di ambienti determina un’elevata biodiversità faunistica: per esempio, nel Parco e nei suoi immediati dintorni sono state individuate oltre 1.100 specie di lepidotteri.
L'esplorazione floristica del Parco è ancora incompleta. Per questo motivo abbiamo voluto creare una chiave 'aperta', che consenta a chi la usa di scoprire o confermare la presenza nel Parco di questa o quella specie. La guida - che comprende 1085 taxa infragenerici - non include solo le piante di cui è stata finora accertata la presenza nel Parco, ma anche quelle da ricercare, perché potrebbero essere presenti per motivi ecologici e geografici (ad es. piante osservate in aree adiacenti al Parco). Includiamo anche alcune entità segnalate storicamente all’interno del Parco - da riconfermare - e quelle di presenza dubbia - da verificare.
Alcune entità sono trattate solo a livello di aggregato, perché l’identificazione delle specie elementari è materia da specialista (come ad esempio in Alchemilla, Hieracium, Taraxacum, parte del genere Festuca, etc.).
La suddivisione in Famiglie segue il sistema dell’Angiosperm Phylogeny Group III:
Angiosperm Phylogeny Group (2009). An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III. Botanical Journal of the Linnean Society 161(2): 105-121.


Versione per palmare stand-alone / Stand-alone PocketPC version

Sviluppata per palmari con sistema operativo Windows.
Scaricare il file compresso, decomprimerlo in una nuova cartella ed iniziare aprendo il file "home.html".

DOWNLOAD Tested on Microsoft Windows OS
Download, decompress in a new folder and start by opening the "home.html" file


Avete trovato errori o problemi? Mandateci i vostri commenti.
Feedback