Spiegazione dei simboli
Explanation of symbols

free access Guida interattiva alla flora dei magredi di Cordenons-Vivaro (PN)
Interactive guide to the flora of the grasslands (magredi) of Cordenons-Vivaro (Pordenone, NE Italy)

Guida interattiva alla flora dei magredi di Cordenons-Vivaro (PN)

P.L. Nimis, S. Martellos
L. Poldini

Foto di A. Moro

Abstract - This is a new, annotated version of an interactive guide to the flora (621 infrageneric taxa) of Cordenons-Vivaro, an area which hosts the last remnants of the steppe-like grasslands typical of the high Friulian plain (‘magredi’), which have the highest biodiversity among all plant communities of NE Italy. The survey area is centered on the portion of the high Friulian plain where the river-beds of the rivers Cellina and Meduna join, forming an extensive mat of gravel. The soils are primitive, and the environment is dry in spite of the high precipitations. In the past, this area could not support a flourishing agriculture, which explains the scarce density of human settlements; the main ones are Cordenons, S.Quirino, San Foca, Vivaro and Rauscedo. The first version of the guide was developed by software FRIDA, created by S. Martellos and patented by the University of Trieste in the framework of the Dryades project, based on the morpho-anatomical database on the vascular flora of Italy by P.L. Nimis. In 2012, the guide was thoroughly revised and enriched with notes to all species by P.L. Nimis.

Questa è una nuova versione completamente riveduta ed annotata di una guida interattiva alla flora (621 entità) di Cordenons-Vivaro (PN), ove persistono ancora i 'magredi', praterie aride tipiche dell'alta pianura Friulana che secondo Poldini (1971) hanno la maggiore biodiversita' tra tutte le comunita' vegetali dell'Italia nord-orientale. L'area e' centrata sulla porzione dell'alta pianura friulana in cui confluiscono i greti dei torrenti Cellina e Meduna. Prevalgono suoli primitivi ferrettizzati su uno spesso letto di ghiaie, che in passato non permettevano lo sviluppo di un'agricoltura fiorente. Gli insediamenti sono quindi sparsi, l'impatto antropico non e' forte. I centri principali sono Cordenons, S.Quirino, San Foca, Vivaro e Rauscedo, quasi tutti siti al margine del quadrante. Servitù militari con esercitazioni di mezzi pesanti hanno paradossalmente permesso la conservazione di una vegetazione semi-naturale - peraltro ben adattata ai disturbi delle piene - che non e' stata sostituita da colture. Una splendida descrizione della flora dei magredi e' fornita da Poldini (1992), la loro biogeografia e' trattata da Nimis e Fonda (1997).
La prima versione della guida era stata realizzata anche grazie al significativo contributo della Provincia di Pordenone. Questa versione è stata preparata nell'ambito del Progetto SiiT (Strumenti interattivi per l'identificazione della biodiversità: un progetto educativo in un’area transfrontaliera), finanziato nell'ambito del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013, dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali.
La suddivisione in Famiglie segue il sistema dell’Angiosperm Phylogeny Group III (2009).

Bibliografia

Angiosperm Phylogeny Group, 2009 - An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III. - Bot. J. Linn. Soc. 161(2): 105-121.
Nimis P.L., Fonda G., 1997 - Phytogeography of parasteppic vegetation in the high Friulian Plain (NE Italy). Plant Ecology, 142: 15-28.
Poldini L., 1971 - La vegetazione della Regione. In: AA.VV.: Enciclopedia Monografica del Friuli-Venezia Giulia, Vol. I. Udine, pp. 507-604.
Poldini L., 1992 (1991) - Itinerari botanici nel Friuli-Venezia Giulia. Comune di Udine. Ed. Museo Friulano Storia Nat., 301 pp.


Posizione geografica / Geographic position


entra Enter entra Entra

NEW - Versione per palmare / NEW - PocketPC version

Sviluppata per palmari con sistema operativo Windows.
Scaricare il file compresso, decomprimerlo in una nuova cartella ed iniziare aprendo il file "home.html".

Tested on Microsoft Windows OS
Download, decompress in a new folder and start by opening the "home.html" file
DOWNLOAD